was successfully added to your cart.

Carrello

Sans-serif

Aa

Serif

Aa

Font size

+ -

Line height

+ -
Light
Dark
Sepia

Viaggio nelle migliori difese della prossima Serie A

Difese Serie A – “Il miglior attacco è la difesa” e si sa che “i detti antichi non sbagliano mai”. Viaggio nel calcio d’Europa, dove i top club del continente sono alla continua ricerca di attaccanti stellari dai super ingaggi faraonici. Cristiano Ronaldo, Neymar, Messi, Salah: questo il leitmotiv delle ultime sessioni di calciomercato.

In Italia, in particolare in Serie A, la musica sembra essere leggermente diversa: le maggiori potenze del campionato nostrano hanno preferito, almeno per ora, rinforzarsi nei reparti difensivi. Andando più nello specifico, vista la vocazione oracolare, di seguito, le coppie difensive che più impressioneranno durante il corso della prossima stagione.

Juventus, Napoli, Inter e Milan: questi i club che più hanno deciso di irrobustire il proprio reparto di difesa.

La Juve ha voglia di riconfermarsi. Quella bianconera resta, senza dubbio alcuno, una delle difese della Serie A meglio accessoriate. Però occhio al Napoli, perché con l’arrivo di Manolas i partenopei danno il via alla caccia ai primatisti; da top club il reparto arretrato della nuova Inter di Conte. Perplessità, invece, sulle decisioni di Giampaolo: il Milan, al momento, sembra essere la società meno attrezzata rispetto alle dirette concorrenti.

  • Napoli

Kalidou Koulibaly si confermerà sugli ottimi livelli messi in mostra nello scorso campionato. Il difensore partenopeo, non a caso, è finito nel mirino dei maggiori top club d’Europa: Real Madrid e Manchester United le società che più hanno provato a stuzzicare il patron Aurelio De Laurentiis. Niente da fare: si riparte dal numero 26 azzurro. Sarà affiancato da Kostas Manolas, strappato alla Roma dietro il pagamento della clausola rescissoria. Il greco, accanto al gigante del Senegal, sarà una delle certezze difensive della SSC Napoli del futuro.

  • Juventus

I bianconeri, dopo le vittorie degli ultimi otto campionati, vogliono consolidare il proprio strapotere. Le certezze si chiamano Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini: i due sono pronti a murare, mattone su mattone, la porta a strisce nere e bianche. Ma il reparto è già ampiamente assortito, con nuovi arrivi pronti ad evitare le emergenze dello scorso anno: Matthijs De Ligt, diciannovenne che dalla sua può contare della benevolenza degli dei, è pronto a rimpinguare un reparto già di per sé decisamente ben assortito. Ulteriore garanzia di affidabilità.

  • Inter

L’Inter si attesta ad essere la più grande sorpresa della prossima stagione. La nuova squadra di Antonio Conte è già stata, quasi del tutto, rivoluzionata. Difesa a tre, con ogni probabilità: questa una delle certezze in vista del prossimo campionato. Si ripartirà da due certezze, quindi da Milan Skriniar e Stefan De Vrij. I due saranno affiancati dal terzo membro difensivo. Tale Diego Godin, trentatreenne dall’indubbia esperienza. Quella della beneamata si attesta ad essere una delle difese meglio assortite della prossima Serie A.

  • Milan

Qualche dubbio lo lascia la difesa del nuovo Milan targato Marco Giampaolo. L’ex tecnico della Sampdoria è alla guida di una società allo sbando nelle ultime stagioni. Pertanto Alessio Romagnoli continuerà a guidare la linea, affiancato con ogni probabilità da uno tra Mateo Musacchio e Mattia Caldara. Nel mirino del club di via Aldo Rossi resta il nome di German Pezzella, roccioso difensore della Fiorentina. Chissà…

Una tendenza, quella tutta italiana, che è in controtendenza con quanto accade in giro per l’Europa. Le maggiori potenze del continente continuano a spendere fior fior di quattrini, in barba ai paletti del Fair Play Finanziario.

A Real Madrid, Barcellona e Manchester City pare quasi non importare: i vari Griezmann, de Jong, Hazard, Jovic, Rodrygo, Mendy e Rodri hanno cambiato casacca. In cambio, i loro vecchi club hanno incassato milioni su milioni.

Operazioni che, almeno per ora, non hanno messo a punto club come il Paris Saint-Germain ed il Manchester United. Forse ai loro uffici ha bussato la mano invisibile della UEFA?

L’Europa attacca, l’Italia difende.

Lascia un commento