was successfully added to your cart.

Carrello

Sans-serif

Aa

Serif

Aa

Font size

+ -

Line height

+ -
Light
Dark
Sepia

Ronaldo-Sarri, il duo bianconero sulla bocca di tutti

In una settimana in cui le polemiche la fanno da padrone in Serie A (vedi il caso ammutinamento a Napoli), sono finiti nell’occhio del ciclone anche Maurizio Sarri e Cristiano Ronaldo. Il duo bianconero è finito sulla bocca di tutti dopo la serata di ieri. Situazione inaspettata e raramente vista sotto la Mole: a Torino, è risaputo, ordine e disciplina sono dettame principe.

Per la formazione bianconera non è un momento di ottima forma, anche se Maurizio Sarri continua a macinare punti su punti. Il primato di classifica non è assolutamente discutibile; ciò che lo è, però, è lo stato mentale e fisico di CR7, in leggero calo rispetto alle aspettative.

Ritornando, però, a parlare della più stretta attualità, bisogna analizzare quanto avvenuto al minuto 55 della gara tra Juventus e Milan, andata in scena nella serata di ieri all’Allianz Stadium di Torino. Ronaldo, fino a quel momento, non aveva particolarmente brillato; proprio per questo, Maurizio Sarri ha deciso di richiamarlo in panchina per provare a dare freschezza ed imprevedibilità alla manovra bianconera. E non a caso, l’ingresso in campo di Paulo Dybala, ha voltato faccia alla gara: i tre punti, infatti, sono giunti grazie ad una rete della Joya.

Fin qui tutto regolare. Se non fosse che il calciatore portoghese, dopo aver dato il cinque al compagno di squadra, ha lanciato un’occhiataccia alla panchina, rivolgendo lo sguardo e qualche frase di disappunto proprio all’allenatore bianconero. Una sostituzione presa non proprio bene, con il fenomeno bianconero corso direttamente nel tunnel degli spogliatoi.

Ciò che, però, ha scatenato la polemica, è stata la doccia anticipata del calciatore e la fuga dall’impianto sportivo addirittura prima del triplice fischio finale. L’arrabbiatura di Ronaldo è stata subito spenta da Sarri, pronto ad evitare ogni tipo di polemica.

Nel post gara, infatti, l’ex allenatore del Napoli ha rilasciato alcune dichiarazioni a tal proposito ai microfoni di Sky Sport:

“Ronaldo? Lo ringrazio. Tanti avrebbero fatto un passo indietro stamattina, ma lui ha giocato, era in difficoltà. Se poi si arrabbia, sono cose normali. Penso che ci vuole tolleranza. Ci possono essere i cinque minuti di arrabbiatura, sarei preoccupato del contrario”.

In conferenza stampa, invece, ha fatto chiarezza in merito allo stato di forma del portoghese:

“Negli ultimi 20-25 giorni soffre per un problemino che lo sta condizionando tantissimo e gli impedisce di allenarsi come vorrebbe. Avevo preventivato il part-time”.

Il tecnico, però, non ha confermato l’abbandono anzi tempo dello stadio, anzi:

“Se e è vero dovrà discuterlo con i suoi compagni di squadra. Ma, ripeto, nelle sue condizioni tanti altri non avrebbero giocato, bisogna solo ringraziarlo, dopo tutto quello che ha vinto è bello che voglia dare una mano alla squadra a tutti i costi”.

Le polemiche, però, hanno caratterizzato le ore successive al match contro la squadra di Stefano Pioli. Il duo Capello-Bergomi, seduti attorno alla scrivania dello studio di Sky Sport, hanno duramente contestato le prestazioni sportive di CR7:

“Ronaldo non salta l’uomo da ben tre anni”.

Una frase, breve e concisa, che ha scatenato l’ira dei tifosi bianconeri sui social. Nelle ultime ore, infatti, sui profili Twitter bianconeri girano video ed immagini dei super dribbling del numero 7 bianconero.

Lascia un commento