was successfully added to your cart.

Carrello

Sans-serif

Aa

Serif

Aa

Font size

+ -

Line height

+ -
Light
Dark
Sepia

Un altro Veron è pronto a prendersi l’Europa

“I genitori di Gabriel erano in cerca di idee per il nome da dare al loro figlio in arrivo, allora il vicino – un fanatico del calcio che aveva tre bambine ma aveva sempre desiderato un figlio maschio cui potesse dare il nome del suo giocatore preferito – ha suggerito Veron. Il suo giocatore preferito era proprio Juan Verón, a quel tempo al Manchester United, e allora il piccolo Gabriel ha trovato il suo secondo nome”.

Miglior giocatore del Mondiale Under 17. Gol più bello del torneo. Questo è il biglietto da visita di uno dei talenti più cristallini del calcio sudamericano: Gabriel Veron.                                                                                                  

Un altro Veron è pronto a prendersi l’Europa.

In un mare di esterni a piede invertito, Veron rappresenta l’ala destra vecchio stampo. Il classico numero 7 che ci riconcilia col senso più ordinario delle cose. Quello stile tradizionale che non tramonta mai, la semplicità senza fronzoli che produce armonia. L’essenziale.     

Abbiamo gli occhi pieni ormai, di esterni che convergono sempre e comunque per lasciar spazio alla sovrapposizione del terzino di turno o per tentare il tiro “a giro” sul secondo palo. Ben venga dunque, un’atleta espressione della linea laterale con un’identità di gioco propria non assimilabile ad altre declinazioni del ruolo. 

L’aspetto che più colpisce di Gabriel è la corsa. Una corsa agile fatta di continui “strappi” e cambi di passo velocissimi. Quando questo ragazzo parte palla al piede è praticamente devastante, soprattutto se ha campo aperto davanti a sé. Dribbling pulito accompagnato da una grande tecnica di base, che lo fa rientrare in quella fetta di calciatori a cui basta una giocata, mai fine a se stessa, per creare superiorità e fare la tanto bramata differenza. Veron, da solo, può decidere l’andamento di un match.

La fascia destra ha un nuovo protagonista, di ciò sembra essersi accorto anche il Real Madrid che al compimento della maggiore età, proverà, visti gli esiti positivi delle operazioni Vinicius Jr e Rodrygo, a portarlo in Liga. Ci proverà soprattutto a causa di un altro motivo ben più determinante: un contratto con il Palmeiras che scade nel maggio del 2020 e che rende il gioiellino brasiliano un’occasione irripetibile da cogliere al volo.

A Europa será tua, Gabriel. Sei tu un altro Veron che è pronto a prendersi l’Europa.

Lascia un commento