was successfully added to your cart.

Carrello

Sans-serif

Aa

Serif

Aa

Font size

+ -

Line height

+ -
Light
Dark
Sepia

Mamma ho perso Fabian Ruiz!

Che fine ha fatto Fabian Ruiz? Il centrocampista spagnolo della SSC Napoli sta deludendo le aspettative. Le ultime uscite in campionato sono sicuramente insufficienti.

Che ne è di Fabian Ruiz? Qualcuno l’ha visto? Perché i tifosi del Napoli non ne hanno notizie da un bel po’. Nelle ultime uscite stagionali, in campo sembra di vedere il suo gemello, quello che di calcio ne capisce ben poco. Eppure noi, ed anche gli dei, siam sicuri che Fabian di pallone ne sa. Ed anche tanto. Perno fondamentale del centrocampo di Gattuso, titolare inamovibile da inizio stagione. Nonostante ciò, nelle ultime gare ha floppato, lasciando senza parole tifosi ed addetti ai lavori. I rifletto puntati su Fabian Ruiz sono spesso quasi accecanti. Lo spagnolo di Los Palacios y Villafranca ha un grosso peso sulle spalle: trascinare per mano il centrocampo della SSC Napoli, da sempre colmo di lacune, è impresa ardua. Tutto vero. Ma il classe 1996, attualmente, sta decisamente deludendo le aspettative.

Certo è che la squadra di Gattuso sta attraversando, chiaramente, un periodo ‘no’. Un momento negativo che ha investito tutto lo spogliatoio, a ridosso delle feste natalizie, che ha avuto un impatto indesiderato sul rendimento stagionale e sulla classifica generale. Gli azzurri, dopo aver vinto il ricorso riguardo la gara mai giocata contro la Juventus, sono a sette punti dalla testa della classifica, con una gara in meno da giocare. Un ritardo dal Milan, primo dell’elenco, potenzialmente di quattro punti. Le ultime due sconfitte contro Inter e Lazio hanno fatto aumentare il mal di pancia della società capitanata da Aurelio De Laurentiis. Tutti in ritiro, quindi, per ritrovare la forma mentis migliore. Perché è quello il problema del Napoli: nessun calo fisico. Tutta questione di testa.

Fabian Ruiz, il rendimento stagionale in Serie A

Come è ben evidente, i supporters azzurri hanno puntato il dito contro il centrocampo del Napoli. Il reparto di Gattuso soffre spesso la superiorità numerica degli avversari. Eppure, il tecnico è deciso a continuare a percorrere la strada del 4-2-3-1: un modulo che, per ovvi motivi, è votato alla manovra offensiva, facendo affannare il reparto di centrocampo. I soli Fabian Ruiz, Tiémoué Bakayoko e Diego Demme, spesso si sono ritrovati a rincorrere gli avversari. E lì, puntualmente, gli azzurri sono stati trafitti dalle frecce nemiche.

Con Inter e Lazio, soprattutto, le lacune di Fabian Ruiz, in campo rispettivamente per sedici e novanta minuti, son state evidenti. Due prestazioni più che opache che gli son valse la bocciatura netta dei maggiori quotidiani sportivi: 4.5 o 5 in pagella, il trend è stato questo. Son lontani i tempi di inizio campionato, quando di Fabian almeno si vedeva l’ombra in campo. La sensazione è che lo schema tattico di Rino Gattuso lo penalizzi. E non poco. Avulso dalla manovra, a destra dei due di centrocampo per poi rientrare sul sinistro, tempi di giocate quasi mai azzeccati e mai in partita. Da lui ci si aspetterebbe, viste le qualità messe in mostra in tempi non troppo lontani, un approccio alla partita super, col coltello tra i denti, pronto a sbranare gli avversari. Eppure così non è stato. Viste le assenze importanti di Insigne, Mertens ed Osimhen, sarebbe toccato a lui, contro la Lazio, trascinare per mano i compagni: così non è stato. Mister, abbiamo un problema.

“Mamma ho perso Fabian Ruiz”, direbbe il terribile Kevin di “Mamma ho perso l’aereo”. ‘Ho smarrito il mio centrocampista preferito’. 

Lascia un commento