was successfully added to your cart.

Carrello

Sans-serif

Aa

Serif

Aa

Font size

+ -

Line height

+ -
Light
Dark
Sepia

Pagellone Brillante del girone d’andata di A

Ecco come è stato il girone d’andata (+ le coppe) per le squadre di Serie A e cosa potrebbe succedere nel girone di ritorno. Con i 3 migliori, i 3 peggiori ed il pagellone naturalmente.

Atalanta 8,5

Andata

Quinto posto in campionato con 44 gol fatti, una qualificazione agli ottavi di Champions con due vittorie a Liverpool ed Amsterdam e una semifinale di Coppa Italia raggiunta con l’uomo in meno contro la Lazio. Senza l’ottobre-novembre nero (6 punti su 18 disponibili) e senza i problemi del Papu, sarebbe prima in classifica.

Ritorno

Può vincere il primo trofeo nell’era Gasperini superando in semifinale il Napoli (parte favorita) e giocandosi la finale contro Inter o Juve. In realtà potrebbe anche emulare la scorsa stagione europea eliminando il Real agli ottavi (parte sfavorita). In campionato lo scudetto è difficile, ma se l’anno scorso ha rischiato di vincerlo chiudendo l’andata a -13 dalla vetta, quest’anno a meno 7 è tutto possibile. Mal che vada la Champions è alla portata.

I migliori: Ilicic, Romero, Muriel

I peggiori: Zapata, Hateboer, Pasalic

Benevento 7

Andata

Nel primo anno di A fece 14 sconfitte di fila. Oggi ha 22 punti, +8 sulla zona salvezza. Un girone d’andata molto positivo con tante partite vinte contro squadre di metà classifica (Sampdoria, Bologna, Fiorentina, Genoa, Udinese e Cagliari). Male in difesa, maluccio in attacco ma 5 clean sheets che hanno fruttato 13 punti.

Ritorno

Grazie anche al mercato, la salvezza non dovrebbe essere un problema. Più dura mantenersi nella parte sinistra della classifica, ma in A dovrebbe rimanere tranquillamente.

I migliori: Letizia, Schiattarella, Improta.

I peggiori: Glik, Iago Falque, Maggio.

Bologna 6

Andata

Sufficienza conquistata con grandissima fatica. I rossoblu ricorderanno questo girone d’andata come quello del record di gol subiti per più giornate consecutive. Infatti è questo il più grande problema, partire sempre 0-1. 

Ritorno

Salvezza alla portata, soprattutto se Barrow e Orsolini dovessero crescere nella classifica marcatori dove finora comanda Soriano con 6, il doppio dei due attaccanti sopra. Dovrebbe terminare tra la decima e la tredicesima posizione, senza grosse sorprese.

I migliori: Svanberg, Schouten, Soriano.

I peggiori: Barrow, Skorupski, Orsolini.

Cagliari 4

Andata

Le 4 vittorie su 6 partite tra fine ottobre e metà novembre avevano illuso i sardi, poi il crollo con 4 punti nelle ultime 12, di cui le ultime 7 tutte sconfitte. Di Francesco confermato ma una squadra in grandissima difficoltà. Seconda peggior difesa nonostante Godin.

Ritorno

Contro Sassuolo, Lazio e Atalanta o si rinasce o arrivano altri 3 ko e Di Francesco verrà sostituito. 3 partite che diranno se gli isolani lotteranno o meno per la salvezza. La sensazione è che si salverà ma nelle ultime giornate.

I migliori: Nandez, Joao Pedro, Zappa

I peggiori: Simeone, Godin, Nainggolan

Crotone 5,5

Andata

Nelle prime 10 soltanto 2 i punti raccolti, nelle ultime 9 ben 10 i punti guadagnati. Ultimo posto in classifica ma appena 2 punti dalla salvezza. I calabresi, sulla carta hanno la rosa più scarsa, oltre alla peggior difesa con 43 gol subiti. Però se la stanno giocando con tutte nell’ultimo periodo. E la cosa fa ben sperare.

Ritorno

E’ la maggiore indiziata per la B. E tranne miracoli, dovrebbe finire il campionato all’ultimo posto. O al massimo terzultimo. Soprattutto se Messias dovesse rimanere a lungo ai box.

I migliori: Messias, Golemic, Pereira

I peggiori: Luperto, Djdji, Magallan

Fiorentina 4,5

Andata

21 punti, 8 di Iachini in 7 partite, 13 di Prandelli in 12 partite. Grande equilibrio quindi tra i due allenatori. Ma soprattutto grande mediocrità nonostante una rosa da Europa League (Milenkovic, Ribery, Pezzella, Biraghi, Castrovilli, Vlahovic, Amrabat … potrebbero giocare in grandi squadre). Segna poco, solo 20 gol.

Ritorno

Il girone di ritorno dovrebbe essere tanto tranquillo quanto anonimo. Mettersi 3 squadre alle spalle non sarà un problema, recuperare 9 punti a Verona e Sassuolo e quindi mettersi dietro le top 7, sarà un miracolo.

I migliori: Vlahovic, Dragowski, Biraghi

I peggiori: Callejon, Ribery, Pulgar

Genoa 5

Andata

Con Maran 7 punti in 13 partite, con Ballardini 11 punti in appena 6 partite, ad una media di 1,83 a partite che nel girone d’andata farebbero 35 punti, uno in meno di Juve e Atalanta. Non male per un tecnico che ha sempre fatto bene a Genova ed è sempre stato cacciato dal lunatico Preziosi. In ogni caso, girone d’andata molto al di sotto delle aspettative.

Ritorno

Con Strootman e qualche altro innesto (Niang?), il Genoa dovrebbe raggiungere la salvezza con qualche giornata di anticipo. E magari rinnovare con Ballardini. E comunque la stagione dipenderà dal derby di ritorno, 3 marzo 2021.

I migliori: Zappacosta, Shomurodov, Destro

I peggiori: Pjaca, Criscito, Zajic

Inter 6,5

Andata

Il quarto posto in Champions resta un’ombra di questa stagione. Ma il secondo posto in campionato e la semifinale di Coppa Italia fanno conquistare la sufficienza piena ai nerazzurri, che hanno il miglior attacco con 45 reti. Due le sconfitte contro Milan e Sampdoria, ma è la vittoria contro la Juve che consente agli interisti di sognare.

Ritorno

E’ la favorita per lo scudetto e Milan ed Juve permettendo, dovrebbe arrivare anche considerando l’assenza dalle coppe europee. Difficile fare il bis in Coppa Italia perchè contro la Juve si parte 50-50. Se poi arriva anche Dzeko, allora le chances di fare scudetto-Coppa Italia aumentano sensibilmente.

I migliori: Lukaku, Barella, Hakimi

I peggiori: Handanovic, Perisic, Kolarov

Juventus 6

Andata

Senza la Supercoppa italiana ed il 3-0 del Camp Nou, sarebbe stato un girone d’andata molto deludente per i nove volte campioni in carica. Oggi la vetta dista 7 punti con una partita da recuperare, tanti ma non tantissimi. In Coppa Italia semifinale raggiunta grazie ad un calendario in discesa contro Genoa e Spal. In Champions primo posto nel girone.

Ritorno

In Champions col Porto sarà una formalità e dai quarti di finale potrebbe succedere di tutto, anche perchè non ci sono grandissimi favoriti. Forse solo Bayern, City e Liverpool hanno qualcosina in più. Meno scontato lo scudetto, soprattutto se si dovesse fare strada in Europa. In Coppa Italia 50-50 contro l’Inter.

I migliori: Szczesny, Danilo, McKennie

I peggiori: Dybala, Bernardeschi, Alex Sandro

Lazio 6,5

Andata

Qualificazione in Champions raggiunta con merito nonostante il finale thrilling contro il Bruges. In Coppa Italia brutto ko contro l’Atalanta in superiorità numerica. In serie A, inizio negativo a causa dei positivi al Covid e doppio impegno europeo, ma le ultime 4 vittorie hanno permesso ad Inzaghi di chiudere in settima posizione a meno 2 dalla qualificazione Champions.

Ritorno

Difficile conquistare la Champions, altrettanto difficile, se non impossibile, eliminare il Bayern in Europa. L’obiettivo è tornare comunque in Europa dalla porta principale, ma sulla carta dovrebbe finire settima, quindi stessa posizione di oggi.

I migliori: Immobile, Acerbi, Luis Alberto

I peggiori: Patric, Muriqi, Strakhoska

Milan 8

Andata

E’ prima in classifica in tutto il 2020. E’ campione d’inverno dopo tantissimi anni. E’ ai sedicesimi di Europa League. Peccato per il gol preso da Eriksen nel recupero del derby di Coppa Italia, che però non macchia questo girone di andata strepitoso dei rossoneri, grazie ad un super Ibra, 12 gol e tante partite saltate.

Ritorno

Non immagino un Milan campione d’Italia, lo dicono i numeri: 26 punti nelle prime 10 alla media di 2,6 a partita, 17 punti nelle ultime 9, quindi sotto i 2 punti a partita. Un calo se non un piccolo crollo già c’è stato. Che però non dovrebbe compromettere il posto in Champions, anche perchè con 12 rigori su 19 gare (record in Italia) è tutto molto più semplice.

I migliori: Ibrahimovic, Hernandez, Kessie

I peggiori: Rebic, Tonali, Castillejo

Napoli 6

Andata

6 sconfitte su 18 partite sono tante, anzi tantissime. Una discontinuità che rende difficile la collocazione del Napoli in questa griglia al giro di boa. Anche perchè nessuno ha perso così tanto tra le prime 9, ma nessuno può vantare un differenziale gol fatti-gol subiti come gli azzurri (+22). In Europa sedicesimi di finale da prima in un girone difficile. In Coppa Italia semifinale raggiunta con due vittorie piene di gol contro Empoli (3-2) e Spezia (4-2).

Ritorno

Arrivare in Champions e quindi davanti a Milan ed Atalanta sarà una vera impresa. Più fattibile riconquistare la Coppa Italia vinta in estate, mentre in Europa la partita contro il Granada sarà fondamentale visto che agli ottavi alcune big non ci arriveranno in quanto impegnate contro squadre difficili (Sociedad-ManUtd, Benfica-Arsenal, Salisburgo-Villareal, Lille-Amsterdam).

I migliori: Lozano, Demme, Zielinski

I peggiori: Fabian, Di Lorenzo, Mertens

Parma 5

Andata

Inizio in linea con gli obiettivi salvezza (12 punti in 12 partite) ma nelle ultime 7, nonostante il cambio Liverani-D’Aversa, è arrivato un solo punto che ha portato il Parma al penultimo posto in classifica. L’attacco è nettamente il peggiore (14 gol fatti, il Genoa è penultimo con 19).

Ritorno

Sulla carta, il Parma è la terza indiziata a retrocedere, dopo Crotone e Spezia. Servirà un grande mercato e tanti punti a febbraio quando i ducali sfideranno Bologna, Verona, Udinese e Spezia. Se dovessi giocarmi una fiches direi Parma terzultimo. 

I migliori: Sepe, Pezzella, Kucka

I peggiori: Gervinho, Cornelius, Kurtic

Roma 6

Andata

Terza in classifica ma virtualmente quarta considerando una vittoria di Juve o Napoli nel recupero. Primo posto nel girone di Europa League e qualificazione conquistata con le riserve. Però anche tantissimi problemi di spogliatoio dopo il derby perso e l’uscita agli ottavi di Coppa Italia. Ed è difficile dimenticare le due figuracce fuori dal campo con le sconfitte a tavolino contro Verona in campionato e Spezia in coppa. Roba da dilettanti.

Ritorno

In campionato ha qualcosa in meno di Milan, Atalanta, Inter, Juve e quindi lotterà con Napoli e Lazio per il quinto posto. In Europa League invece potrebbe fare strada, visto che il Braga non sembra imbattibile. Ma per il giovedì è fondamentale giocare con i titolari e soprattutto con un bomber che non faccia rimpiangere Dzeko. 

I migliori: Mykhytarian, Spinazzola, Veretout

I peggiori: Dzeko, Ibanez, Mirante

Sampdoria 6,5

Andata

Ranieri ha portato la salvezza lo scorso anno prendendo una squadra ultima e un decimo posto al giro di boa dopo i primi due preoccupanti ko di inizio anno. 

Ritorno

8 vittorie ed una sconfitta in più, 9. 30 gol fatti ed un gol in meno, 29, subiti. I numeri ci danno l’idea di una squadra di centro-classifica. E molto probabilmente lì finiranno i blucerchiati a maggio.

I migliori: Candreva, Yoshida, Augello

I peggiori: Quagliarella, Ramirez, Gabbiadini

Sassuolo 7

Andata

Girone d’andata positivo per il team di De Zerbi ma è mancato il salto di qualità perchè guardando i numeri, dopo i 14 punti nelle prime 6, sono arrivati solo 16 punti nelle successive 13 partite. Si è inceppato l’attacco anche a causa di tantissimi infortuni tra Boga, Caputo, Djuriric e Berardi. Pesa il ko contro la Spal in coppa Italia che poteva regalare una bella sfida contro la Juve.

Ritorno

Con l’arrivo delle belle giornate ed il recupero degli infortunati, il Sassuolo tornerà a divertire e ad occupare l’ottava posizione, stesso risultato del 2019-2020. 

I migliori: Locatelli, Berardi, Consigli

I peggiori: Boga, Obiang, Djuricic

Spezia 7

Andata

Lo merita in pieno il 7 in pagella. Perchè gioca benissimo, perchè butta fuori la Roma in Coppa Italia, perchè vince contro il Napoli, perchè vince il derby con la Samp e perchè 18 punti, +4 sulla salvezza sono un ottimo bottino per una esordiente.

Ritorno

Serviranno per salvarsi? Oggi dico no. Ma continuando a giocare bene e non perdendo troppi attaccanti per strada per infortunio, i liguri potranno dire la loro. Bisogna capire, oltre Crotone e forse Parma, quale potrebbe essere la terza squadra da mettersi dietro.

I migliori: Pobega, Nzola, Galabinov

I peggiori: Deiola, Ismajli, Agudelo.

Torino 4

Andata

Giampaolo il professore stava mandando il Torino agli esami di cadetteria. Se ne sono accorti in tempo ed hanno preso Nicola, che a Benevento ha esordito con un pari in extremis. Tanti gol subiti e la sensazione, forte, che o segna Belotti o non segna nessuno.

Ritorno

Con gli acquisti giusti ed un minimo di serenità nello spogliatoio, i granata hanno tutte le carte in regola per salvarsi. Non sarà facile, certo, ma non dovrebbe nemmeno essere un’impresa. 

I migliori: Singo, Belotti, Lukic

I peggiori: Verdi, Sirigu, Zaza

Udinese 5

Andata

18 punti, di cui 9 conquistati nei 3 successi di fila a metà girone con Genoa, Lazio e Torino. Nelle ultime 9 solo 5 punti e nessuna vittoria. Si segna pochissimo, appena 20 reti e la più bassa percentuale di gol realizzati su occasioni create. Si subisce anche poco con Musso, che l’anno scorso fece il record di clean sheets in A e quest’anno ha fermato Atalanta e Inter nelle ultime 2. 

Ritorno

Con Llorente potrebbero arrivare i gol per la salvezza. Sarà una lotta lunga ma con un De Paul in squadra, calciatore che farebbe titolarissimo in Juve, Inter, Napoli, Milan, Roma, Atalanta e Lazio, non è possibile retrocedere.

I migliori: De Paul, Musso, Pereyra

I peggiori: Lasagna, Mandragora, Nestorovski

Verona 9

Andata

E’ la squadra che ha fatto più passi in avanti tra la griglia precampionato e la classifica a fine andata. 30 punti, miglior difesa e solo 5 partite perse. Ha battuto Napoli, Atalanta e Lazio, oltre alla Roma a tavolino. Ha pareggiato contro la Juve ed il Milan in trasferta. E’ l’ennesimo miracolo di un allenatore, Juric, troppo sottovalutato.

Ritorno

La salvezza è ormai raggiunta. Il ritorno servirà soltanto a stabilire la posizione in classifica (intorno al decimo posto) ed a vendere altri gioielli come negli anni precedenti.

I migliori: Zaccagni, Di Marco, Barak

I peggiori: Kalinic, Di Carmine, Ilic

Lascia un commento