Barcellona: De Zerbi in pole per sostituire Xavi

Barcellona: De Zerbi in pole per sostituire Xavi
De Zerbi (Instagram)

In casa Barcellona si respira aria di cambiamento. La certezza che Xavi lascerà il timone al termine della stagione ha scatenato un turbinio di riflessioni sul futuro immediato e su quello a medio termine del club catalano. Che sia De Zerbi uno dei possibili papabili per sostituirlo?

A conti fatti, la Supercoppa di Spagna e la Coppa del Re si sono trasformate in miraggi sfumati, lasciando ai posteri il rimpianto di ciò che avrebbe potuto essere. Il sogno scudetto si è amaramente dissolto, con un distacco di 11 punti dal Girona e di 10 dal Real Madrid, spingendo i blaugrana a riconsiderare le proprie ambizioni.

Resta in ballo la Champions League, un traguardo che sembra sfidare la tenuta attuale dei fragili blaugrana. Tuttavia, non c’è spazio per il declino: il Barcellona ha l’urgente necessità di racimolare 120 milioni di euro per sanare le finanze traballanti del Més que un Club. La pressione aumenta, con la qualificazione alla prossima edizione della Champions League che si trasforma in obiettivo non più rinviabile, promettendo un introito di almeno 25 milioni di euro.

Ma l’ambizione non si arresta qui. Se per qualche magia calcistica il Barcellona dovesse orchestrare una remuntada incredibile, conquistando uno dei primi due posti in Liga, altri 6 milioni verrebbero garantiti dalla partecipazione alla Supercoppa nazionale. E, in una dimensione quasi utopica, il sorpasso nel ranking UEFA sui rivali dell’Atletico Madrid potrebbe aprire le porte al nuovo Mondiale per Club, una competizione che porterebbe in dote almeno 50 milioni di euro.

Denaro arduo da accumulare, ma essenziale per sedurre il prossimo allenatore di alto calibro che dovrà ereditare la pesante eredità di Xavi.

Tra i nomi che circolano con insistenza, almeno secondo quanto dichiarato dal Corriere dello Sport, c’è quello di Roberto De Zerbi. L’allenatore bresciano, con una visione del calcio in armonia con i principi del tiki-taka blaugrana, si sta guadagnando le attenzioni del direttore sportivo Deco, particolarmente interessato al suo operato al Brighton, soprattutto dopo l’arrivo in prestito del talentuoso Ansu Fati. De Zerbi, giovane e intraprendente, si disegna come il candidato ideale per una squadra che non smette di sognare grandi imprese.

Tuttavia, la strada verso la panchina del Barcellona presenta ostacoli non indifferenti. Il contratto che lega De Zerbi al Brighton fino al 2026 e il corteggiamento del Liverpool, alla ricerca di un erede per Klopp, potrebbero rappresentare complicazioni non facilmente superabili. D’altra parte, l’ipotesi che vede Mikel Arteta al comando si è dissolta ancor prima di prendere corpo, con l’allenatore che ha prontamente smentito le voci, riaffermando il proprio legame con l’Arsenal.

In questo scenario, il Barcellona si muove sul filo di un futuro incerto, tra sogni grandiosi e realtà pressanti. Mentre i nomi dei possibili successori si rincorrono, il club sa che ogni scelta sarà determinante per ridefinire il proprio destino. La posta in gioco è alta, e i tifosi del Barça attendono con trepidante attesa la prossima mossa sulla scacchiera del calcio mondiale.