Site icon Amonsport

Tra amore e oro: il futuro di Dybala sospeso tra Roma e sirene arabe

Dybala (Instagram paulodybala)

Dybala (Instagram paulodybala)

Paulo Dybala alla Roma è diventato rapidamente uno dei giocatori più amati dalla piazza. Molti, però, sono in apprensione, temendo che l’argentino possa cedere a offerte irrinunciabili provenienti dall’Arabia Saudita. Dopo aver sfiorato la gloria nella scorsa stagione, con una finale di Europa League che ha visto i suoi sogni infrangersi contro il Siviglia a Budapest, l’argentino ha un unico obiettivo fisso: sollevare quel prezioso trofeo indossando la maglia della Roma, per ripagare l’affetto e il sostegno incondizionato dei suoi tifosi.

La sintonia tra la città eterna e Dybala è stata immediata, un amore a prima vista che ha visto il talento argentino e la Roma abbracciarsi in un legame indissolubile. La chimica con Lukaku, sia sul campo che fuori, ha creato una coppia d’attacco formidabile, un’intesa che può rivelarsi decisiva per la conquista del tanto agognato trofeo.

Ma nel mondo del calcio ci sono sempre tentazioni che cercano di distogliere i giocatori dai loro obiettivi, come Ulisse con le sirene. Anche Dybala si trova a dover tapparsi le orecchie per non ascoltare le lusinghe provenienti dalle ricche squadre del Golfo Persico. Le “sirene arabe” non sono una novità per la Joya, che aveva già rifiutato due offerte sostanziose dalla Saudi Professional League durante l’estate. Il suo cuore batte forte per la Roma, ma la ragione vacilla di fronte alle cifre astronomiche che gli potrebbero garantire un futuro dorato.

Dybala otterrà comunque un aumento restando a Roma

I Friedkin, la famiglia che guida la Roma, hanno promesso a Dybala un miglioramento contrattuale, un riconoscimento che rifletta l’importanza e l’impatto dell’argentino nel progetto giallorosso. Tuttavia, il tanto atteso rinnovo tarda ad arrivare, e con esso cresce l’ombra del dubbio: questa promessa verrà mantenuta?

Il contratto di Dybala scade nel 2025 e prevede un ingaggio di 4,5 milioni di euro più bonus, ma il tempo scorre inesorabile e la pazienza ha un limite. La clausola rescissoria di 12 milioni valida per le squadre estere è una cifra irrisoria per i club del Golfo Persico, pronti ad investire senza esitazione per portare un calciatore di tale caratura tra le loro file.

Il direttore sportivo della Roma, Tiago Pinto, si trova di fronte a un bivio: da un lato la necessità di blindare un talento come Dybala, dall’altro la pressione delle offerte che potrebbero far vacillare anche il più fedele dei giocatori. La trattativa per il rinnovo si prospetta difficile, ma non impossibile.

La Roma e Dybala si trovano in un momento cruciale della loro relazione. La Joya ha dimostrato di credere nel progetto, di voler essere quel leader tecnico e carismatico in grado di guidare i compagni verso vittorie prestigiose. Ma il calcio è anche una questione di cifre, e quelle che arrivano dal deserto sono difficili da ignorare.

Nei prossimi giorni, aspettiamo sviluppi decisivi. La Roma sa che deve fare uno sforzo importante per trattenere il suo gioiello, mentre Dybala si trova a ponderare tra la fedeltà ad un progetto sportivo che lo vede protagonista e la tentazione di un futuro economicamente più sicuro, ma forse meno appassionante.

Exit mobile version